Sarete ospiti della natura! Il Rifugio Fontanelle si trova all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna. Ad accogliervi sarà l’abbraccio immenso di una foresta di faggi. I gestori faranno il resto, offrendovi la loro calorosa ospitalità con uno stile sobrio ed essenziale.
Diamo  valore al camminare, al tempo ritrovato, al viaggio di chi non lascia tracce e sa distinguere il superfluo dal necessario.
Troverete alloggio in camere comuni con letti a castello e bagni con doccia. Offriamo una cucina con prevalenza di prodotti del territorio locale, se possibile biologici ed equo solidali, comunque con prezzi contenuti. Il nostro progetto non ha un intento commerciale, ma di condivisione, educazione e costruzione di reti di camminatori.

 

Poche righe per raccontarvi il nostro progetto di gestione:

Cibo buono, non solo da mangiare. Una rete di produttori locali e di aziende biologiche forniscono la nostra dispensa. In tavola arriva cibo cucinato con passione e con prodotti di qualità. A rendere buoni i nostri piatti concorre il lavoro e il sogno vivo di molte persone.
Economia alternativa. Il Rifugio le Fontanelle aderisce a Banca Etica. Per gli ospiti del rifugio intendiamo promuovere un approccio ad un’economia non monetaria (ospitalità in cambio di lavoro, economia di scambio, volontariato alla pari, ecc…).
Relazioni col territorio. Crediamo nelle reti, nella collaborazione e nella cooperazione, nello scambio tra le generazioni. Una particolare attenzione viene  data al rapporto con il territorio, costruendo relazioni con persone del posto, contadini, pastori, gestori di altre strutture, amministrazioni locali.
Ecosistema rifugio. Partecipiamo a giornate di pulizia e manutenzione sentieri, promuovendo eventualmente la partecipazione di volontari. La presenza costante di escursionisti consapevoli e attenti come i nostri soci e ospiti, garantirà un controllo per la tutela ambientale e un deterrente per tutte quelle azioni illegali che possono  verificarsi in assenza di un controllo (bracconaggio, taglio illegale, percorrenza di sentieri con mezzi motorizzati non autorizzati, raccolta dei frutti del sottobosco, ecc.).
Sicurezza per gli escursionisti. La presenza dei gestori per alcuni periodi dell’anno  garantirà, oltre alla consulenza e all’informazione sulle caratteristiche dei sentieri, una sorveglianza anche per quanto riguarda la sicurezza degli escursionisti (grazie alla registrazione della meta di chi passa e alla possibilità di lanciare un eventuale allarme al Soccorso Alpino).